FacebookFacebook
InstagramInstagram

Divieto di ingresso e transito in Italia per chi viene da Paesi a rischio

Dal 14 luglio vengono prorogate le misure anti-contagio varate con il DPCM 11 giugno, dall’uso obbligatorio della mascherina al divieto di assembramenti, il nuovo DPCM in arrivo si pronuncia anche in merito a viaggi e voli.

Ecco tutti i dettagli.

Italia, divieto ingresso da 13 Paesi

L’Italia ha bloccato fino al 31 luglio gli arrivi e i transiti sul territorio a chi nei 14 giorni precedenti ha soggiornato o è transitato in questi 13 Paesi:

  1. Armenia
  2. Bahrein
  3. Bangladesh
  4. Brasile
  5. Bosnia Erzegovina
  6. Cile
  7. Kuwait
  8. Macedonia del Nord
  9. Moldova
  10. Oman
  11. Panama
  12. Perù
  13. Repubblica Dominicana

L’unica eccezione al divieto è per i cittadini UE (Italia inclusa), Schengen, Regno Unito, Principato di Monaco, Andorra, Città del Vaticano e San Marino e per i loro stretti familiari a patto che siano residenti anagraficamente in Italia prima del 9 giugno 2020.

Quarantena obbligatoria e stop voli

Prorogata, almeno fino a fine mese, anche la quarantena obbligatoria di 14 giorni, come misura precauzionale per evitare la diffusione contagio, per chi viene da questi 14 Stati in elenco e da tutti gli altri Paesi extraeuropei:

  1. Marocco
  2. Algeria
  3. Tunisia
  4. Serbia
  5. Montenegro
  6. Georgia
  7. Canada
  8. Uruguay
  9. Thailandia
  10. Corea del Sud
  11. Giappone
  12. Australia
  13. Nuova Zelanda
  14. Rwanda

L’Italia aveva aperto i confini ai cittadini extra-UE il 1° luglio, ma In seguito al nuovo record di contagi registrato nel mondo e per evitare che i casi positivi importati dall’estero possano generare nuovi focolai, ha fatto dietrofront. In alcuni Paesi, come il Bangladesh, la pandemia è nella sua fase più acuta, e l’apertura delle frontiere può mettere seriamente a rischio il nostro Paese e vanificare i sacrifici fatti in questi mesi.

Come annunciato dal Ministero della Salute, al fine di garantire un adeguato livello di protezione sanitaria, fino al 31 luglio sono sospesi anche i voli diretti e indiretti da e per i Paesi indicati nell’ordinanza. “Questa lista”, ha detto Speranza, “verrà aggiornata costantemente questa lista sulla base dell’evoluzione dei dati epidemiologici”.